Password insicure queste conosciute

Dimmi che password usi e ti dirò chi sei…

Utilizziamo questo incipit stra-abusato per parlare dell’annoso problema delle password troppo facili. Un vecchio adagio recita “una catena è forte quanto il suo anello più debole” e in fatto di password purtroppo dobbiamo riscontrare che l’anello è molto debole.

Analizzando l’ultimo rapporto sulla sicurezza informatica realizzato dal Ponemon Institute e sponsorizzato da Keeper Security non possiamo certo affermare di rendere difficile la vita ai malintenzionati che ogni giorno cercano di accedere ai nostri account privati e aziendali.

La maggior parte degli intervistati (65%) ammette di non sapere quali sono le regole di sicurezza legate alle password nella propria azienda e che se anche queste regole esistono non vengono rispettate in pieno.

A peggiorare le cose ci si mette il fatto che anche quando una password esiste è spesso una password debole e facilmente individuabile.

Analizzando oltre 10 milioni di password la società ha realizzato una graduatoria delle password più utilizzate nel 2016. Veniamo così a scoprire che la situazione, anno dopo anno, non cambia. La password più utilizzata nel 2016 è ancora “123456”.

Insomma, gli utenti hanno poca fantasia in fatto di password, tanto che nella gran parte dei casi non servirebbero neanche grosse abilità informatiche per riuscire a rubare un account di posta elettronica.

Per proteggere la propria identità digitale ed evitare furti di dati sensibili è necessario creare delle password che siano facili da ricordare e difficili da indovinare, anche utilizzando mezzi informatici in grado di effettuare milioni di tentativi in pochissimo tempo.

Il consiglio degli esperti è quello di utilizzare esclusivamente combinazioni alfanumeriche di almeno 10 caratteri con all’interno numeri, lettere e almeno uno tra i vari simboli speciali ($%&!?).

Sempre gli esperti sconsigliano l’utilizzo di password composte da parole di senso compiuto perchè facilmente soggette ad attacchi di tipo dizionario.

Adesso siete avvertiti….. e mezzi salvati dal prossimo attacco.

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Avvertenza

Per quanta cura venga posta nella creazione di questi contenuti è sempre possibile che contengano errori, imprecisioni o che le informazioni stesse non siano più attuali. E’ importante verificare sempre che quanto riportato nell’articolo sia applicabile alla propria situazione prima di qualsiasi azione. Tunda IT Srl non si assume responsabilità per eventuali danni che causati a cose o persone dall’utilizzo delle informazioni o dei consigli qui riportati. In caso di dubbi è consigliabile richiedere la consulenza di un esperto. Siamo sempre disponibili per un consiglio o un aiuto.